osteria1881_gravina (3)

IL GUSTO DELLA SEMPLICITA'

LA VISION "1881"

Il progetto di “Osteria 1881” nasce all’interno della Cooperativa L’Abbraccio, il cui obiettivo, sin dalla sua nascita nel 2013, è si occupa di progetti a supporto di soggetti più fragili come disabili, profughi, donne e minori che hanno subito abusi e violenze.

Hanno realizzato diverse partnership con altre Cooperative Sociali ed Associazioni No Profit del territorio pugliese e per ultima – insime alla Cooperativa Aliante – a portato a termine la realizzazione di una Comunità Residenziale per disabili che potrà accogliere fino a 22 ospiti in età compresa tra i 18 e i 64 anni, privi di validi riferimenti familiari, in situazione di handicap fisico, intellettivo o sensoriale.

 

Questo tipo di Comunità può supportare anche i casi dell’area “dopo di noi”, quando ad esempio i genitori di un disabile sono già molto anziani e quindi preoccupati per le sorti che ptorebbero toccare ai loro figli alla loro morte.

 

La formazione ed il supporto, che sono affidati ad esperti educatori, accompagnano questi soggetti nel loro personale percorso di crescita, fino a quello che rappresenta per loro – e indirettamente anche per noi – un traguardo di estrema importanza: l’inserimento lavorativo.

“Osteria 1881” è un punto di convergenza, è un punto di
aggregazione, diventa il fulcro di tutto l’impegno e la passione che i protagonisti hanno profuso negli anni. Diventa il punto di condivisione con la città, con gli ospiti, con le comunità locali, con gli educatori, i cuochi, i camerieri e tutti gli operatori di supporto ed i tutor. Tutti potranno contribuire alla crescita di questo progetto che prima di essere imprenditoriale, vuole essere un ponte per l’integrazione dei disabili grazie ad un completamento della propria autonomia ed alla integrazione lavorativa, l’integrazione con la Comunità del Territorio, con il Comune, la ricerca del gusto che deriva dai sapori autentici, il ricorso alla coltivazione diretta delle materia prime finalmente protagoniste in cucina.

Questo diventa un luogo di integrazione sociale, di Sperimentazione Enogastronomica e di apertura verso la comunità e la cittadinanza.

Scegliere di festeggiare il proprio matrimonio o il battesimo del proprio figlio in una Cooperativa che offre questo tipo di servizi dunque, non è solo un atto di solidarietà

È molto di più, è entrare in un nuovo mondo e mescolarsi con esso dove l’unica cosa che conta è mangiare di gusto, ridere, scherzare e sentirsi bene. Sarà una festa per tutti: non solo per noi che festeggiamo la nostra ricorrenza ma anche per i ragazzi che vedranno il loro Centro popolarsi di persone felici!

LA COMUNITA’ ALLOGGIO PER I DISABILI

La Comunità Residenziale per disabili potrà accogliere fino a 22 ospiti in età compresa tra i 18 e i 64 anni, privi di validi riferimenti familiari, in situazione di handicap fisico, intellettivo o sensoriale. 

Gli Educatori Professionali svolgeranno una attività di sostegno dell’autonomia individuale e sociale, laboratori abilitativi, formativi, ricreativi, espressivi e prestazioni sanitarie assimilabili alle forme di assistenza domiciliare.

Ma l’obiettivo che la Cooperativa Sociale L’ABBRACCIO si è prefissa mira a realizzare una attività formativa che consenta a queste persone di poter arrivare ad un inserimento lavorativo che li faccia sentire utili verso la società in cui vivono, un obiettivo che se raggiunto rappresenta per loro un traguardo importantissimo sia per un completo raggiungimento dell’autonomia, sia a livello di crescita dell’autostima, ma soprattutto perché consente loro di raggiungere una vera integrazione con la società di cui fanno parte, ma che quasi mai li considera sullo stesso piano.

La Cooperativa ha attrezzato la Comunità con un Laboratorio di Informatica, ha siglato un accordo di collaborazione con un Laboratorio per la realizzazione di oggetti di ceramica ed h ottenuto da parte di un privato che ha condiviso gli obiettivi, la concessione di un ettaro di terreno dove si svolgeranno corsi formativi per la coltivazione di ortaggi e funghi, la serricoltura, l’allevamento delle api e tutte le attività indirette ad esse legate (conserve, produzione miele, essiccazione dei funghi).

Questi prodotti confluiranno nell’ ”OSTERIA 1881” e lo stesso Ristorante diventerà sede di corsi formativi per servizi alla ristorazione.

Gli ospiti della Comunità, ognuno in base alle proprie naturali inclinazioni, sarà accompagnato in uno di questi percorsi formativi per poi essere inserito lavorativamente nel settore per cui è stato formato.